Arteria carotide comune

Le arterie carotidi comuni sono i principali vasi arteriosi per l’irrorazione della testa e del collo. L’arteria carotide comune destra si di­stacca dal tronco brachiocefalico, dietro l’articolazione sterno-clavicolare destra. L’arteria carotide comune sinistra ha origine direttamente dall’arco dell’aorta.
Ambedue le arterie risalgono nel collo, fino all’altezza del margine superiore della cartilagi­ne tiroidea della laringe dove terminano divi­dendosi ciascuna in un’arteria carotide esterna che si distribuisce alla superficie esterna del cra­nio, alla faccia e alla parte alta del collo, e un’arteria carotide interna che irrora gli organi contenuti nella cavità cranica e nelle cavità orbi­tarie. Ogni arteria carotide comune presenta, al­la sua estremità superiore, nei pressi della biforcazione, una dilatazione, il seno carotico che, per lo più, si estende al tratto iniziale dell’arteria carotide interna.  In corrispondenza del seno carotico la parete arteriosa presenta un’avventizia alquanto ispessita che accoglie numerose terminazioni nervose prove­nienti da un ramo del nervo glossofaringeo. Per questa sua ricchezza di terminazioni nervose, il seno carotico ha funzioni di barocettore, ossia di organulo sensibile a variazioni della pressione sanguigna. Nell’angolo di biforcazione dell’arteria carotide comune si trova un corpicciolo bruno rossastro, il glomo (o paraganglio) caroti­co che ha funzioni di chemocettore in quanto avverte le variazioni della composizione chimica del sangue.

Nel torace, l’arteria carotide comune sinistra si trova a una certa distanza dal manubrio sternale, dal quale la separa il tronco venoso brachiocefalico sinistro che la incrocia anteriormente. In dietro, essa ha rapporto con l’arteria succlavia sinistra, con il margine sinistro della trachea e, al di dietro di questa, con il margine sinistro dell’esofago, lungo il quale de­corre il nervo laringeo inferiore sinistro. Il suo margine mediale è, all’origine, in rapporto con il tronco brachiocefalico; portandosi verso l’alto, i due vasi si fanno di­vergenti e delimitano così uno spazio nel quale è com­presa la trachea. Lungo il margine laterale del tratto to­racico della carotide comune sinistra decorre il nervo vago sinistro che si dirige verso l’arco aortico.

Nel collo, le arterie carotidi comuni, destra e sinistra, hanno identici rapporti. Ciascuna ar­teria decorre dietro il muscolo sternocleidomastoideo insieme alla vena giugulare interna che le si pone lateral­mente e al nervo vago che decorre posteriormente ai due vasi.  Insieme, queste tre formazioni avvolte da una guaina connettivale costituiscono il fascio vascolo-nervoso del collo. Circa a metà del collo, l’arteria carotide co­mune è incrociata dal ventre superiore del muscolo omoioideo; al di sotto di questo, l’arteria è ricoperta dalla fascia cervicale media; al di sopra del muscolo, ha rapporto con il ramo discendente dell’ansa cervicale del nervo ipoglosso e con i rami cardiaci superiori del nervo vago. In dietro l’arteria entra in rapporto, tramite la fa­scia cervicale profonda, con la catena cervicale dell’ortosimpatico, con i muscoli prevertebrali e con i processi trasversi delle vertebre cervicali; il tuber­colo anteriore della 6a vertebra cervicale (o tubercolo di Chassaignac) è un punto di repere per la carotide comune. Al lato mediale dell’arteria carotide comune si trovano la trachea, inferiormente, la laringe e la faringe, superiormente.
L’arteria carotide comune non dà rami colla­terali. Suoi rami terminali sono l’arteria carotide esterna e l’arteria carotide interna.

Arteria carotide

Arteria carotide comune

Articolo creato il 7 agosto 2011.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
http://medicinapertutti.altervista.org/argomento/arteria-carotide-comune/
Twitter