Arteria epatica (o gastroepatica)

L’arteria epatica (o gastroepatica) decorre orizzontalmente verso destra e in avanti, passando davanti al pilastro mediale destro del diaframma, dietro la parete posteriore della borsa omentale, sul margine superiore del pancreas. All’altezza del margine superiore della prima porzione del duodeno fornisce l’ar­teria gastroduodenale e conti­nua verso il fegato con il nome di arteria epatica propria. Passa quindi davanti alla vena porta e risale fra i foglietti del legamento epatoduodenale, accompagnata dalla vena por­ta e dal dotto coledoco. S’impegna poi come arteria epatica pro­pria nel peduncolo epatico e, in prossimità del­l’ilo, si divide al davanti dei rami portali in un tronco destro e uno sinistro.
Il ramo destro, di calibro maggiore del sini­stro, dopo aver dato origine all’arteria cistica si divide a sua volta, nell’interno del parenchima epatico, in due o tre rami per il lobo caudato, il segmento anteriore e il segmento posteriore.
Il ramo sinistro a sua volta si suddivide in ra­mi per il segmento anteriore, per il segmento posteriore e per il lobo quadrato.
Ciascuna di queste prime suddivisioni del ra­mo destro e sinistro dell’arteria epatica dà origi­ne a esili rami destinati all’irrorazione dei vasi maggiori stessi, delle vie biliari e della capsula del fegato e, soprattutto, prosegue nelle arteriole interlobulari che decorrono negli spazi portali e vanno poi a gettarsi, come arteriole perilobulari, nei sinusoidi epatici.
Ramo collaterale dell’arteria epatica è l’arteria gastroduodenale che nasce dietro o sopra la prima porzione del duodeno, discende verticalmente in basso fra quest’organo e la testa del pancreas e, a livello del margime inferiore della prima porzione del duodeno, termina dividendosi nelle arterie gastroepiploica destra e pancreaticoduodenale superiore. Fornisce nel suo decorso rami al piloro, al pancreas, alla faccia posteriore del­la prima porzione del duodeno.

L’arteria gastroepiploica destra si dirige verso sinistra e decorre lungo la grande curvatura dello stomaco fra le due pagine del legamento gastrocolico. Termina anastomizzandosi con l’arteria gastroepiploica sinistra dell’arteria lienale. Fornisce rami gastrici che ri­salgono sulle due facce dello stomaco e rami epiploici che discendono nel grande epiploon.

L’arteria pancreaticoduodenale superiore è costituita, in una elevata percentuale di casi, da due rami, anteriore e posteriore che possono originare separatamente o nascere dalla biforcazione di un unico tronco. Il ramo anteriore discende nel solco fra duodeno e testa del pancreas e fornisce rami a questi due organi; termina anastomizzandosi con il ramo anteriore dell’arteria pancreaticoduodenale inferiore, dell’arteria mesenterica superiore. Il ramo posteriore scende in basso e verso destra, passa davanti alla vena porta e al cole­doco e raggiunge la superficie posteriore della testa del pancreas.
Fornisce diramazioni al pan­creas, al duodeno e al coledoco; termina ana­stomizzandosi con il ramo posteriore dell’arte­ria pancreaticoduodenale inferiore.
Rami collaterali dell’arteria epatica propria sono:

  • L’arteria gastrica destra, che nasce spesso dal ramo sinistro dell’arteria epati­ca e discende fra i due foglietti del piccolo omento in basso e a sinistra per raggiungere la parte superiore del piloro. Decorre lungo la pic­cola curvatura, da destra verso sinistra, e termina anastomizzandosi con l’arteria gastrica sini­stra. Fornisce rami al piloro, al piccolo omento e alle pareti dello stomaco.
  • L’arteria cistica, che nasce, di solito, dal ra­mo destro dell’arteria epatica e si dirige in avanti pas­sando fra i dotti cistico ed epatico per raggiungere il col­lo della cistifellea dove si divide in due rami che si distri­buiscono alle facce superiore e inferiore dell’organo.

Arteria epatica.

Arteria gastroepatica

Articolo creato il 9 agosto 2011.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
http://medicinapertutti.altervista.org/argomento/arteria-epatica-o-gastroepatica/
Twitter
Precedente Plesso venoso uterovaginale Successivo Sinfisi pubica