Arteria vertebrale

L’arteria vertebrale è un ramo collaterale dell’arteria succlavia. Originando dalla prima porzione di quest’ultima,risale in alto, in dietro e lateralmente fino al forame trasversario della 6a vertebra cervicale; percorre quindi tutti i fo­rami trasversari delle vertebre soprastanti, com­preso quello dell’epistrofeo. Uscita da questo, ripiega lateralmente per raggiungere il forame trasversario dell’atlante; lo attraversa, contorna posteriormente la massa laterale dell’atlante, perfora la membrana atlooccipitale posteriore, la dura madre e, passando tra l’arco posteriore dell’atlante e l’osso occipitale, penetra nella cavità cranica attraverso il foro occipitale. Si diri­ge allora in alto e in avanti, circondando late­ralmente il midollo allungato per raggiungere la faccia ventrale di quest’ultimo. Qui i vasi dei due lati si uniscono, dinnanzi al solco bulbopontino, per formare un unico vaso, l’arteriabasilare (o tronco basilare).Il tratto dell’arteria vertebrale, che si estende dall’ori­gine al foro trasversario della 6a vertebra cervicale, de­corre fra il muscolo lungo del collo e il muscolo scaleno anteriore. Ha rapporto: in avanti con la vena vertebrale e il fascio vascolonervoso del collo, in dietro con il pro­cesso trasverso della 7a vertebra cervicale, il ganglio stellato e i rami ventrali dei nervi cervicali 7° e 8°.
Nel canale trasversario l’arteria vertebrale, circondata da un plesso venoso che dà origine alla vena vertebrale e da un plesso nervoso formato dal nervo vertebrale proveniente dal ganglio stellato, passa davanti ai rami ventrali dei nervi cervicali.Nella cavità cranica, l’arteria vertebrale, attraversata la dura madre e l’aracnoide, decorre tra il clivo dell’os­so occipitale e il midollo allungato, davanti alle radici del nervo ipoglosso.

I rami collaterali dell’arteria vertebrale si di­stinguono in cervicali e intracranici.

  • I rami cervicali sono:
    • Arterie spinali (o arterie vertebromidollari), che attraversano i fori intervertebrali per contribuire alla vascolarizzazione dello speco verte­brale, delle meningi e del midollo spinale del tratto cervicale.
    • Rami muscolari, che si distribuiscono princi­palmente ai muscoli prevertebrali, spinodorsali e intertrasversari.
  • I rami intracranici sono:
    • Rami meningeiper la dura madre della fossa cerebellare.
    • Arteria spinale posteriore, che discende lungo il solco laterale posteriore del midollo spinale dietro alle radici dorsali dei nervi spinali. Portandosi in basso riceve minu­scoli spinali dalle arterie vertebrale, cervicale ascendente, intercostali posteriori e 1a lombare che penetrano nel canale vertebrale attraverso i fori intervertebrali. In tal modo, le arterie spi­nali posteriori dei due lati continuano fino alla parte inferiore del midollo spinale acquistando il significato di anastomosi longitudinali.
    • Arteria spinale anteriore, che discende sulla superficie anteriore del midollo allungato, si unisce con quella del lato opposto all’altezza delle olive bulbari formando un tronco unico che percorre la fessura mediana anteriore del midollo spinale, ricevendo succes­sivamente numerosi rami spinali che penetrano nel canale vertebrale dai fori intervertebrali e derivano dalle arterie vertebrale, cervicale ascendente, intercostali posteriori e la lombare. Anche il tronco dell’arteria spinale anteriore, che si estende fino alla parte inferiore del mi­dollo spinale, ha perciò il valore di una anasto­mosi longitudinale fra le arterie spinali segmen­tane.
    • Arteria cerebellare inferiore posteriore, che nasce all’altezza dell’estremità inferiore dell’oliva bulbare e risa­le con decorso tortuoso sulla superficie laterale del midollo allungato passando fra le radici dei nervi encefalici 12°, 11°, 10° e 9° fino a rag­giungere il margine inferiore del ponte, incrocia il peduncolo cerebellare inferiore e si divide in un ramo laterale e uno mediale. Il ramo media­le decorre tra l’emisfero cerebellare e la faccia inferiore del verme, distribuendosi particolar­mente a quest’ultimo. Il ramo laterale irrora la faccia inferiore dell’emisfero cerebellare e il suo margine laterale e si anastomizza con i rami cerebellari del tronco basilare.

Arteria vertebrale

Artricolo creato il 9 agosto 2011.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
http://medicinapertutti.altervista.org/argomento/arteria-vertebrale/
Twitter
  • Anonimo

    Salve, che disturbi da il canale osseo incompleto per l’arteria vertebrale in corrispondenza dell’arco posteriore dell’atlante?

  • Medico Radiologo

    NULLA ,non da niente di sintomi, è una variante anatomica rilevabile con esami radiologici in particolare della TAC.