Arteriole

Le arteriole hanno un diametro di 100-50 µm e danno origine per ramificazione alle arteriole terminali di calibro inferiore ai 50 µm. Da que­ste originano infine le metarteriole, del diame­tro di 10-15 µm, che immettono il sangue nel di­stretto capillare.
La tonaca intima (è il nome della tonaca mucosa nei vasi sanguigni), molto sottile, è formata da cellule endoteliali allungate secondo l’asse del vaso, sottese da un’esile lamina sottoendoteliale; al limite con la tonaca media, si osservano tratti discontinui di una struttura elastica che ricorda la lamina elastica interna delle arterie mu­scolari. Questa già ridotta componente elastica scompare del tutto nelle arteriole terminali.
La tonaca media (è il nome della tonaca muscolare nei vasi sanguigni)  è formata da cellule muscolari lisce a disposizione circolare o elicoidale a passo breve, poste su due o tre piani, che nelle arteriole terminali si riducono a uno solo strato cellulare. Fra le cellule muscolari, o fra queste e le cellule endoteliali, si possono osservare, nei punti di contatto diretto, giunzioni serrate.
La tonaca avventizia è formata da un fine reticolo di fibre collagene con rari fibroblasti.
Le metarteriole, alla loro origine, mostrano un endotelio a cellule rigonfie e un manicotto contrattile formato da 2 o 3 strati di cellule mu­scolari lisce a disposizione circolare. Questi dispositivi, detti sfinteri precapillari, regolano il transito del sangue nelle reti capillari degli orga­ni; sembrano aprirsi e chiudersi a intervalli re­golari di 6-8 secondi.

Struttura dell’arteriola

Articolo creato il 21 marzo 2012.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
http://medicinapertutti.altervista.org/argomento/arteriole/
Twitter