Articolazione atlo-occipitale

L’articolazione atlo-occipitale è una diartrosi di tipo condiloideo che si stabilisce tra i condili dell’osso occipitale e le cavità glenoidee che si trovano sulla faccia superiore delle masse laterali dell’atlante. Le superfici articolari dei condili occipitali sono allungate con il maggior asse obliquo da dietro in avanti e dall’esterno all’interno; esse guardano in basso, in avanti e lateralmente. Le cavità glenoidee dell’atlante corrispondono ai condili per dimensioni ed orientamento. In ciascuna delle due articolazioni atlo-occipitali i mezzi di unione sono dati dalla capsula articolare e dalle due membrane atlo-occipitali anteriore e posteriore.

  • La capsula fibrosa si fissa sul contorno delle superfici articolari e risulta più ispessita lateralmente.
  • La membrana atlo-occipitale anteriore si attacca, in alto, sul contorno anteriore del foro occipitale e, in basso, sul margine superiore dell’arco anteriore dell’atlante; la faccia anteriore di questa membrana è rinforzata, sulla linea di mezzo, da una benderella fibrosa che rappresenta l’origine del legamento longitudinale anteriore.
  • La membrana atlo-occipitale posteriore, più sottile della precedente, va dal contorno posteriore del foro occipitale al margine superiore dell’arco posteriore dell’atlante; è perforata dall’arteria vertebrale e dal 1° nervo cervicale.

Articolazione atlo-occipitale

Articolo creato il 21 febbraio 2010.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
http://medicinapertutti.altervista.org/argomento/articolazione-atlo-occipitale/
Twitter