Skip to Content
Feed/RSS

E-mail   

Articolazione del gomito

L'articolazione del gomito è un complesso articolare costituito da tre diverse giunzioni: l’articolazione omero-ulnare, l’articolazione omero-radiale e l’articolazione radio-ulnare prossimale. Tutti i capi articolari di queste tre giunzioni sono compresi entro una capsula articolare comune. Le superfici articolari si trovano sull’estremità distale dell’omero e sulle estremità prossimali di radio e ulna.
L’articolazione del gomito consente movimenti dell’avambraccio sul braccio, a livello delle due articolazioni omero-ulnare e omero-radiale e movimenti del radio sull’ulna a livello dell’articolazione radio-ulnare prossimale.
I principali movimenti dell’avambraccio sono quelli di flessione e di estensione; essi si svolgono principalmente ad opera dell’ulna che trasporta passivamente il radio. A livello dell’articolazione del gomito si svolgono anche limitati movimenti di lateralità che sono possibili solo quando l’avambraccio è flesso. Lo spostamento del radio rispetto all’ulna con modificazioni nei rapporti degli assi longitudinali è denominato movimento di prono-supinazione.

L’articolazione omero-ulnare è un ginglimo angolare le cui superfici articolari sono rappresentate dalla troclea omerale e dall’incisura semilunare dell’ulna. La troclea è una puleggia ossea quasi completa, soltanto interrotta dalla sottile lamina ossea che divide la fossa coronoidea dalla fossa olecranic; è formata da due labbri, di cui l’interno è più sporgente, che delimitano una gola.
L’incisura semilunare presenta un segmento superiore corrispondente all’olecrano e un segmento inferiore che spetta al processo coronoideo; in entrambi si trova una cresta mediana smussa per la gola della troclea omerale e due faccette laterali per i labbri.

L’articolazione omero-radiale è una condilo artrosi le cui superfici articolari sono rappresentate dal condilo omerale e dalla fossetta del capitello del radio. Il condilo è un rilievo emisferico diviso dal labbro esterno della troclea ad opera di un solco condilotrocleare che è rivestito di cartilagine articolare. La fossetta del capitello radiale è una depressione arrotondata che volge in alto; il suo contorno mediale è accolto nel solco condilotrocleare dell’omero.

L’articolazione radio-ulnare prossimale è un ginglimo laterale in cui le superfici articolari sono rappresentate dall’incisura radiale dell’ulna (che forma il segmento di cilindro cavo) e la circonferenza articolare del radio (che forma il segmento di cilindro convesso).
L’incisura radiale si trova sulla faccia laterale del processo coronoideo e ha la forma di una cavità semilunare allungata in direzione sagittale.
La circonferenza articolare del radio è completamente rivestita di cartilagine in quanto ruota entro un anello osteofibroso formato dall’incisura radiale dell’ulna per la parte ossea e dal legamento anulare del radio per la parte fibrosa.

Articolazione del gomito

I mezzi di unione del gomito sono la capsula articolare rinforzata da vari legamenti e un legamento a distanza, la membrana interossea dell’avambraccio. Lo strato fibroso della capsula articolare forma un unico manicotto per le tre articolazioni; s’inserisce in alto sul capo omerale, in basso si connette al radio e all’ulna.
L’inserzione omerale della capsula è vicina alle superfici articolari lateralmente e medialmente, ne dista maggiormente in avanti e in dietro, dove si fissa al di sopra della fossa coronoidea e della fossetta radiale e, rispettivamente, a livello della fossa olecranica.
L’inserzione radio-ulnare ha luogo sul contorno della cartilagine articolare dell’incisura semilunare e dell’incisura radiale dell’ulna; dal limite inferiore di quest’ultima, la linea d’inserzione si porta al collo del radio, tra capitello e tuberosità radiale. La capsula fibrosa è rinforzata anteriormente e posteriormente da sottili fasci di fibre che non si ispessiscono a formare veri e propri legamenti. Robusti ispessimenti si hanno, invece, lateralmente e medialmente dove si costituiscono i legamenti collaterali radiale e ulnare.

  • Il legamento collaterale radiale parte dall’epicondilo e si divide in un fascio anteriore, un fascio medio ed un fascio posteriore.
    Il fascio anteriore si distacca dalla parte antero-inferiore dell’epicondilo e termina sull’ulna, al davanti dell’incisura radiale.
    Il fascio medio ha la stessa origine dell’anteriore e si fissa sull’ulna, dietro l’incisura radiale.
    Il fascio posteriore sorge dalla parte posteriore dell’epicondilo e termina sulla faccia esterna dell’olecrano.
    Annesso al legamento collaterale radiale può considerarsi il legamento anulare del radio, un anello fibroso che decorre dal margine anteriore a quello posteriore dell’incisura radiale dell’ulna circondando il capitello del radio e delimitando un anello osteofibroso entro il quale il capitello stesso ruota; la faccia interna del legamento anulare è rivestita di cartilagine articolare; il margine superiore del legamento prosegue in una piega falciforme che si pone, come un disco, nell’interlinea articolare tra condilo omerale e radio.
     
  • Il legamento collaterale ulnare è conformato a ventaglio e s’irradia dall’epitroclea al margine mediale dell’incisura semilunare. È costituito anch’esso da tre fasci, anteriore, medio e posteriore. Il fascio posteriore è il più robusto e va dalla parte posteriore dell’epitroclea alla faccia mediale dell’olecrano.

La membrana sinoviale può essere divisa in due segmenti di cui il superiore, più esteso, appartiene alle articolazioni omero-radiale, omero-ulnare e alla parte superiore dell’articolazione radio-ulnare prossimale. Il segmento inferiore, ridotto, è proprio della sola articolazione radio-ulnare prossimale e prende il nome di recesso sacciforme in quanto forma un cul di sacco anulare attorno al collo del radio.

Legamenti del gomito

La membrana interossea si può considerare come un legamento a distanza dell’articolazione del gomito. Essa occupa lo spazio allungato e ovalare che si delimita, nell’avambraccio, tra il radio e l’ulna. Presenta una faccia anteriore ed una faccia posteriore dalle quali prendono origine i muscoli profondi dell’avambraccio, e quattro margini.
Il margine laterale e quello mediale si fissano al radio e, rispettivamente, all’ulna.
Il margine inferiore si fonde con la capsula dell’articolazione radio-ulnare distale.
Il margine superiore è libero e arcuato con la concavità superiore.
Si trova qualche centimetro al di sotto dell’articolazione radio-ulnare prossimale, insieme alla quale delimita un foro che dà passaggio ai vasi interossei posteriori. A livello di questo foro si trova un fascio fibroso che si tende fra il processo coronoideo dell’ulna e la faccia anteriore del radio, dove termina al di sotto della tuberosità; tale fascio prende il nome di corda obliqua.

Membana interossea

Commenti

Dubbio anatomico su "capitello radiale"

Ascoltando una lezione di uno straniero (olandese) sul gomito, mi sono accorto che il mio concetto di "capitello radiale" (che ritrovo anche nel testo di questa pagina, ma anche in tanti altri articoli e giurerei anche su referti radiografici...) in realtà non trova riscontro sui libri di anatomia (a cominciare dalle immagini del Netter qui presenti, ma anche ne "L'anatomia del Gray").

In realtà l'unico capitello appare essere il condilo omerale (detto anche capitulum, come riporta il Gray), mentre l'estremità prossimale del radio viene denominato solo "testa del radio".

Mentre in immagini/testi italiani ricorre il concetto capitello radiale=testa radiale, in quelle in inglese capitello=condilo omerale.

Ha mica testi anatomici che confermino invece il concetto di "capitello radiale" o almeno una spiegazione per una (apparente?) imprecisione così diffusa ?

Grazie anticipatamente,

Simone

Buonasera

Buonasera Simone,

sinceramente non so chi abbia ragione, comunque io per "capitello radiale" intendo la "testa del radio". Questo concetto deriva dal libro che ho usato per studiare anatomia, il "Balboni" (Balboni G. C. et al. (2000, III edizione) Anatomia umana, Milano, EDI.ERMES, 1° vol. pag. 209). Se mi dà un indirizzo e-mail, le invio anche l'immagine del radio su cui la "testa del radio" è indicata come "capitello radiale". Più di così non saprei come aiutarla. smiley
Saluti!

Medicinapertutti.it
 

Forte bruciore al gomito

Cadendo in moto mi sono appoggiato con tutto il peso del corpo sul braccio, non ricordò però se il braccio fosse proteso all'indietro oppure in avanti. Anche se il dolore contingente è passato dopo pochi giorni, già da un mese provo, soprattutto la notte, un forte bruciore all'articolazione allorquando "a freddo" inizio un movimento. Il dolore diventa man mano meno intenso più utilizzo il braccio, tanto che riesco ad eseguire anche lavori pesanti, mentre provo comunque dolore se eseguo scatti improvvisi. E' possibile che con il tempo le cose si "aggiustino" oppure è meglio che mi faccia controllare il braccio?

Rigrazio anticipatamente

Alfredo

Salve Alfredo, che "le cose

Salve Alfredo,
che "le cose si aggiustino" è anche possibile ma ciò dipende dal tipo di lesione. Racconta che è già da 1 mese che questi dolori sono presenti, pertanto io consiglio almeno un salto dal suo medico di fiducia che potrà visitarla e decidere se sarà il caso di indagini più approfondite.

Saluti!

Medicinapertutti.it.

ho sbautto

salve qualche giorno fa ho sbattuto il gomito destro ma, sinceramente non ricordo contro cosa, so solo che a distanza di un paio di giorni mi si è gonfiata la punta del gomito e non riesco ne a stendere il braccio ne a toccare il punto gonfio perchè fa malissimo... dite che c'è da preoccuparsi, si sarà rotto qualcosa?? aiutatemi a capire... grazie aspetto vostre notizie

Se non riesce ad estendere

Se non riesce ad estendere completamente l'avambraccio ma riesce a fletterlo senza problemi, è difficile che si sia fratturato qualcosa... Certo, se è da parecchio e il gonfiore e il dolore non tendono a diminuire, almeno una visita al suo medico curante è d'obbligo. Purtroppo tramite internet non si possono valutare direttamente le eventuali lesioni...

help gomito

buon guiorno.

2 mesi or sono sono scivolato e mi son appoggiato con il gomito sx,cioè scivolato

pur essendo passati 2 mesi quando mi appoggio provo dolore , esempio mentre guido l'auto mi appoggio il braccioe tocco in quel punto   sx mi arriva una fitta di dolore, imìnsomma non riesco + ad appoggiare il gomito. non è caldo non è gonfio riesco a fare tutti i movimenti senza dolore che cosa posso fare.

vi saluto e resto in attesa di vostra risposta

ciao giorgio da verbania

Ciao! Mi spiace, ma da qui,

Ciao!

Mi spiace, ma da qui, a parte dirti di usare una pomata tipo "Voltaren", "Fastum gel" o simili (che forse avrai già utilizzato), è difficile poter fare di più. Invece, molto più utile, è una visita dal tuo medico curante che, nel caso, potrà consigliarti di effettuare una radiografia.

Saluti!

problema articolazione gomito.

ho una bimba di cinque anni che ha problemi ad entambi i gomiti: la distenzione del braccio non è completa ossia quando la bimba prova a distendere le braccia le stesse non raggiungono un'apertura di 180°.

sapete dirmi a cosa può essere dovuto e soprattutto se esistono soluzioni?

rigrazio anticipatamente per l'attenzione e cordialmente saluto.

Salve! Mi spiace, ma è

Salve!

Mi spiace, ma è difficile capire il motivo senza visitare la bambina. E' importante che le faccia fare una visita specialistica da un ortopedico.

Saluti!.

Articolazione conoide

Studiando la fisiologia articolare del gomito so dell'esistenza di una quarta articolazione che spesso non viene riportata: ARTICOLAZIONE CONOIDE!!E' un'articolazione molto piccola che vede interessata una porzione del capitello radiale e una porzione dell'ulna ed è importante nei movimenti di prono-supinazione!Così mi hanno spiegato ma non vedo la differenza tra questa articolazione e la radio-ulnare prossimale!!! Sapreste spiegarmi meglio??

Ciao, innanzi tutto mi

Ciao,

innanzi tutto mi scuso per il ritardo della risposta, ma ho avuto problemi di natura tecnica con la notifica dei commenti.

Guarda, ho cercato su diversi libri e su internet (cosa che penso avrai fatto prima di me), ma di questa articolazione conoide io non riesco a trovare niente! Sicuro che, come dici tu, non sia un sinonimo di articolazione radio-ulnare prossimale?

Mi spiace, non riesco ad esserti d'aiuto.

Ti saluto e, qualora venissi a capo di questa domanda irrisolta, mi farebbe piacere se lo spiegassi anche a me.

Il sito ti è utile? Allora votalo!
Non ti costa nulla ma aiuti a mantenerlo in vita.
Grazie.



book | about seo