Cellule principali (o adelomorfe)

Le cellule principali (o adelomorfe) entrano nella costituzione delle ghiandole gastriche propriamente dette (o ghiandole principali). Esse secernono pepsinogeno, precursore inattivo dell’enzima proteolitico pepsina. Un altro enzima proteolitico secreto dalle cellule adelomorfe è la rennina (o chimosina), una proteasi che digerisce le proteine del latte ed è secreta abbondantemente nel periodo neonatale.
Sono le più numerose nella parete del tubulo ghiandolare, sono alte, prismatiche, con il nucleo posto nella parte media del corpo cellulare. Al microscopio elettronico si osserva, soprattutto nella parte basale degli elementi, un reticolo endoplasmatico granulare molto evidente, formato da cisterne appiattite. I numerosi ribosomi applicati alla superficie delle cisterne sono responsabili della basofilia di questa regione delle cellule. Il complesso di Golgi è sviluppato; alla sua superficie concava si osservano granuli di prosecreto. I granuli di secreto maturi occupano la parte apicale della cellula e sono grandi 0,5 µm (pertanto visibili anche al microscopio ottico). La superficie libera della cellula presenta qualche microvillo. Le cellule adelomorfe sono unite a quelle vicine da desmosomi, mentre quadri di chiusura bloccano lo spazio intercellulare verso il lume del tubulo.

Articolo creato il 27 marzo 2012.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
http://medicinapertutti.altervista.org/argomento/cellule-principali-o-adelomorfe/
Twitter