Duodeno

Il duodeno rappresenta la prima parte dell’in­testino tenue. Ha unaVarianti del duodeno lunghezza di circa 30 cm e un calibro di 47 mm. Inizia all’altezza della 1a vertebra lombare, a destra della linea mediana, facendo seguito all’estremo pilorico dello sto­maco e termina a sinistra della 2a vertebra, in corrispondenza della flessura duodeno-digiunale, continuando col digiuno.
Il duodeno è applicato alla parete posteriore dell’addome dal peritoneo. Si differenzia dal­l’intestino tenue mesenteriale (digiuno e ileo) per la situazione profonda, per il calibro maggiore, per la scarsa mobilità e per alcuni peculiari caratteri struttu­rali. Riceve lo sbocco dei condotti escretori del fegato e del pancreas.
Ha la forma di un anello incompleto, aperto in alto e a sinistra che con la sua concavità abbraccia la testa del pancreas. In base alla diversa direzione delle varie porzio­ni costituenti l’ansa duodenale vi si distinguono quattro parti: superiore, discendente, orizzonta­le e ascendente.

  • La parte superiore del duodeno è breve e mo­bile. Presenta nel suo tratto iniziale una dilata­zione detta bulbo duodenale. È diretta in dietro, in alto e a destra e si estende, al di sotto del lobo quadrato del fegato, dal solco pilorico al collo della colecisti; qui piega bruscamente in basso, formando la flessura superiore del duodeno, per continuare con la parte discendente.
  • La parte discendente del duodeno, lunga quasi il doppio della prima, procede in basso, a destra della colonna vertebrale, contornando la testa del pancreas; giunta a livello del polo inferiore del rene di destra volge a sinistra, formando la flessura inferiore del duodeno e continua con la parte orizzontale.
  • La parte oriz­zontale del duodeno decorre trasversalmente al davanti del corpo della 3a o della 4a vertebra lombare, incrociando la vena cava inferiore e l’aorta; piega quindi in alto e a sinistra per continuare con la parte ascendente.
  • La parte ascendente del duodeno sale obliquamente al lato sinistro della colonna vertebrale e dell’aorta fin sotto la radice del mesocolon trasverso; giunta all’altezza della 2a vertebra lombare compie una brusca inflessione a concavità rivol­ta in avanti e in basso, la flessura duodeno-digiunale, e continua con l’intestino mesenteriale.

Il decorso generale del duodeno è soggetto a va­riazioni: nel bambino, le flessure sono di regola arrotondate avendosi un duodeno anulare; nel­l’adulto può mancare la parte orizzontale (duode­no a V) o al contrario questa può essere partico­larmente sviluppata assumendo allora il duodeno la forma di una U (duodeno a U).

Duodeno

Muscolatura del duodeno

Articolo creato il 15 agosto 2011.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
http://medicinapertutti.altervista.org/argomento/duodeno/
Twitter
Precedente Collettori linfatici della mammella Successivo Sintesi del peptidoglicano