Imene

 

Cos'è l'imene?
L'imene è una sottile membrana più o meno elastica che, in corrispondenza del passaggio fra parete vaginale posteriore e vestibolo, si porta orizzontalmente in avanti, separando così la vagina dal vestibolo.
L'imene non chiude completamente l'orifizio vaginale altrimenti sarebbe impossibile la fuoriuscita delle normali secrezioni vaginali e delle perdite del ciclo mestruale. Così come le secrezioni ed il flusso mestruale riescono a superare la membrana attraverso i suoi forellini, allo stesso modo il liquido seminale può facilmente penetrare all'interno della vagina ed arrivare a fecondare l'ovulo; pertanto, che l’imene sia intatto non garantisce in nessun modo una gravidanza indesiderata!

Che forma ha l’imene?
L'imene può presentare diverse forme (se ne conoscono almeno 8), tra cui:

  • imene anulare: è il più diffuso, ha una forma ad anello con un’apertura al centro;
  • imene labiato (o sepimentato): l’apertura consiste in una stretta fenditura verticale o orizzontale;
  • imene cribriforme: comporta numerose piccole aperture;
  • imene a falce: l’apertura è situata contro la parete vaginale;
  • imene a carena;
  • imene a pendaglio.

Dove si trova l’imene?
Questa membrana è talmente vicina alla parte esterna degli organi genitali femminili da poter essere osservata dalla donna stessa attraverso un piccolo specchietto. Ne consegue che può facilmente lacerarsi anche durante i preliminari, senza necessariamente dover arrivare alla penetrazione completa durante l’atto sessuale.
In alcune donne l'imene si presenta inesistente o poco sviluppato. In questo caso il canale vaginale è già completamente o parzialmente aperto. Questa conformazione, del tutto fisiologica, non rappresenta un problema a livello fisico o sessuale.
In alcuni rari casi, l'imene non ha nessuna apertura. Si tratta di una patologia di tipo medico che viene riscontrata al momento della comparsa dei primi cicli mestruali e che richiede un piccolo intervento chirurgico per essere risolta (imenectomia). L'intervento non comporta poi nessun problema a livello fisico o nella futura vita sessuale.

Rottura dell’imene
Con i primi atti sessuali (non necessariamente il primo considerata la diversa elasticità da donna a donna) l'imene si lacera e al suo posto non restano che piccoli lembi denominati lobuli imenali. La rottura dell'imene non necessariamente avviene con dolore e di solito è accompagnata da emorragia che può essere di lieve entità (ma l’emorragia può anche non esserci).
Dopo il primo parto si ha un’apertura ulteriore e le uniche parti dell'imene che rimangono sono cicatrizzate e denominate caruncole imenali.
In certe donne l'imene è talmente sottile che potrebbe rompersi senza alcun dolore o essersi già rotto in precedenza durante l'attività sportiva o a seguito di un trauma fisico (non necessariamente avvenuto a livello pelvico). Per altre invece, la membrana è più spessa e meno elastica. In questo caso è possibile preparare l'imene per gradi, iniziando ad allargare le aperture esistenti poco alla volta sia in maniera autonoma che con il partner durante i preliminari.

Struttura dell'imene
L'imene è rivestito nella faccia interna da un epitelio simile a quello va­ginale mentre la faccia esterna è ricoperta da sottile epidermide. Compreso tra questi due strati si trova interposto uno strato di tessuto connettivo den­so, ricco in fibre elastiche, fibrocellule muscola­ri lisce, vasi e terminazioni nervose.

Imene

Commenti