Mammella postclimaterica e senile

Con la menopausa il parenchima subisce un’atrofia più o meno spinta, particolarmente a carico della componente di duttuli lobulari. Mentre gran parte della ghian­dola presenta lobuli atrofici, alcuni lobuli (“persisten­ti”) sono relativamente voluminosi. A tali strutture è stata data particolare importanza in quanto è stato ipotizzato che su di essi si sviluppino di preferenza lesioni neoplastiche.
L’avvizzimento dell’organo nel suo complesso si deve inoltre, più ancora che all’atrofia dei dotti e lobuli, alle trasformazioni dello stroma: il connettivo periduttale perde le sue caratteristiche differenziali rispetto a quello interlobulare. Il connettivo nel complesso appare fibroso denso, spesso ialino e può retrarsi ma anche può arricchirsi di tessuto adiposo e allora l’organo diviene obeso.

Articolo creato il 13 luglio 2011.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
http://medicinapertutti.altervista.org/argomento/mammella-postclimaterica-e-senile/
Twitter
Precedente Struttura del cristallino Successivo Muscolo abduttore del mignolo