Muscolo estensore comune delle dita della mano

Il muscolo estensore comune delle dita della mano è un muscolo epicondiloideo, quindi un muscolo posteriore superficiale dell’avambraccio.
È in­nervato dal nervo radiale (C6-C8) e con la sua azione estende le ultime quattro dita e coopera all’estensione della mano.
È il più laterale dei muscoli superficiali. Origina dalla faccia posteriore dell’epicondilo, dalla fa­scia antibrachiale e dai setti che lo dividono esternamente dall’estensore radiale breve del carpo e internamente dall’estensore proprio del mignolo. Al di sotto della metà dell’avambraccio, il muscolo si divide in tre fasci di cui quello laterale dà origine a due tendini e ciascuno degli altri a uno. I quattro tendini che in tal modo si formano passano per il 4° condotto del legamento dorsale del carpo e divergono quindi per portarsi alle ultime quat­tro dita. Ciascun tendine, sulla faccia dorsale della 1a falange, si divide in tre linguette di cui quella media si fissa alla faccia dorsale della ba­se della 2a falange, mentre quelle laterale e me­diale convergono e si riuniscono per connettersi alla base della 3a falange. A livello del metacar­po i quattro tendini sono uniti l’uno all’altro da tre fasci obliqui, detti giunture tendinee.
L’e­stensore comune delle dita si pone superficial­mente in rapporto con la fascia antibrachiale, con il legamento dorsale del carpo e con la fa­scia dorsale superficiale della mano; profonda­mente è in relazione con i muscoli supinatore, abduttore lungo, estensore breve e lungo del pollice e con l’articolazione radiocarpica.

Muscolo estensore comune delle dita

Articolo creato il 15 marzo 2010.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
http://medicinapertutti.altervista.org/argomento/muscolo-estensore-comune-delle-dita-della-mano/
Twitter
Precedente Responsabilità penale Successivo Metodo di Pappenheim-Unna