Pompe di tipo V

Come le pompe di tipo P, le pompe di tipo V sono dirPompa cellulare di tipo Vettamente dipendenti dall’ATP e sono definite “V” perché presenti nelle membrane delle vescicole come quelle di lisosomi, complesso di Golgi, vacuoli, endosomi e vescicole secretorie (“V” sta per vescicola).
La loro funzione è di trasportare H+ dal citoplasma verso lo spazio delimitato da membrana determinando un abbassamento del pH del contenuto della vescicola e mantenendo la neutralità del pH citoplasmatico.
Le ATPasi di tipo V sono strutture complesse di grandi dimensioni, costituite da due subunità (alfa e beta), una immersa nella membrana ed una che si estende nel citoplasma, dalla parte esterna della membrana della vescicola. La regione immersa nella membrana forma un canale che veicola i protoni attraverso la membrana. Il segmento citoplasmatico veicola l’idrolisi di ATP e, la maggior parte dell’attività di pompaggio di H+ attraverso il canale.
Come le ATPasi di tipo F, la loro caratteristica strutturale è di avere la regione legante l’ATP a livello della subunità beta.
Sebbene le pompe di tipo V utilizzino l’energia dei legami dell’ATP come fonte di energia per il trasporto attivo, esse non legano il fosfato dell’ATP durante la loro azione di pompaggio.

Articolo creato il 24 febbraio 2010.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
http://medicinapertutti.altervista.org/argomento/pompe-di-tipo-v/
Twitter