Sistema di conduzione del cuore

Il sistema di conduzione del cuore presenta i seguenti caratteri strutturali.
Il nodo senoatriale possiede una guaina connettivale dalla quale si staccano numerosi sepimenti di fibre collagene ed elastiche che delimi­tano territori dove si raggruppano le fibre mio­cardiche nodali. Queste differiscono dalle fibre del miocardio comune perché sono più piccole, più ricche di sarcoplasma e hanno aspetto stel­lato. All’esame ultrastrutturale esse presentano scarse miofibrille, irregolarmente sparse nel ci­toplasma. Anche i mitocondri non hanno preci­sa localizzazione. Nella parte centrale del nodo, attorno all’arteria nodale che lo percorre assial­mente, sono state descritte cellule più grandi, le cellule P, con nucleo grande e centrale, di for­ma stellata, che presentano numerose giunzioni con le fibre nodali più piccole. Le cellule P svolgerebbero l’attività di pacemakerdel nodo se­noatriale. Il nodo del seno presenta anche nu­merose fibre nervose amieliniche e cellule gan­gliari del sistema simpatico.

Il nodo atrioventricolare e il fascio atrioventricolare sono separati dalla muscolatura circostante da uno strato ben distinto di tessuto con­nettivo che invia sepimenti al loro interno. Il nodo atrioventricolare è costituito da fasci di fibre miocardiche nodali, disposte a plesso, simili a quelle del nodo senoatriale. Anche nel tronco comune e nel tratto prossimale delle due branche, le fibre miocardiche appaiono simili a quelle nodali; sono soltanto più ricche di sarcoplasma e formano fasci ad andamento paral­lelo.

La parte distale dei bracci e i plessi sottoen­docardici terminali sono invece costituiti da cel­lule considerevolmente più grandi di quelle mio­cardiche comuni, le fibre (o cellule) di Purkinje. Al microscopio elettronico queste cellule sono voluminose, irregolari e assumono contatti reciproci con desmosomi o giunzioni serrate, raramente con i tipici dischi intercalari. Nel loro citoplasma si alternano zone con ab­bondanti accumuli di glicogeno ad altre occupa­te da miofibrille. Queste mancano nella zona perinucleare e sono addensate soprattutto in prossimità del sarcolemma.

Sistema di conduzione del cuore

Articolo creato il 12 luglio 2011.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
http://medicinapertutti.altervista.org/argomento/sistema-di-conduzione-del-cuore-2/
Twitter
Precedente Arteria epigastrica inferiore Successivo Piombo in tossicologia