Struttura della faringe

La parete della faringe è costituita, dall’interno verso l’esterno, dai seguenti strati: tonaca mucosa, tonaca fibroelastica (o fascia faringea o faringobasilare), tonaca muscolare e tonaca avventizia. Una tonaca sottomucosa completa manca nella parete faringea a eccezione delle pareti laterali dove la mucosa risulta poco aderente ai piani profondi.

La tonaca mucosa presenta caratteristiche di­verse nel rinofaringe rispetto alle altre parti del condotto. Nella parte nasale essa ha infatti i ca­ratteri della mucosa delle vie respiratorie, alle quali appartiene. L’epitelio è alto, prismatico pluriseriato; il margine libero delle cellule è provvisto di ciglia vibratili. Nell’epitelio si tro­vano cellule caliciformi mucipare. Nel giovane, tutto il rivestimento epiteliale della rinofaringe ha i caratteri dell’epitelio respiratorio; con l’a­vanzare dell’età, estese aree della parte nasale della faringe vengono a essere ricoperte da epi­telio pavimentoso stratificato non corneificato. Nella lamina propria della mucosa rinofaringea si trovano ghiandole tubuloacinose ramificate a secrezione mista.
A livello dell’ostio faringeo delle tube uditive e in corrispondenza della vol­ta e di una piccola parte della parete posteriore si trovano rispettivamente le tonsille tubariche e la tonsilla faringea. Queste tonsille sono costituite da tessuto linfoide che occupa la lamina propria della mu­cosa, infiltrando anche l’epitelio; questo tessuto linfoide si organizza in voluminosi follicoli con ampi centri germinativi.
La parte buccale e la parte laringea della fa­ringe sono rivestite da un epitelio pavimentoso stratificato non corneificato che poggia sulla la­mina propria connettivale densa. Rari calici gu­stativi si trovano nello spessore dell’epitelio.

Lo strato fibroelastico (o fascia faringea o faringobasilare) è uno strato della parete faringea posto internamente alla tonaca musco­lare entro la quale invia sepimenti. I suoi rap­porti con i muscoli della faringe si fanno meno stretti a livello delle pareti laterali e della parte inferiore del condotto, dove si inizia a costituire una tonaca sottomucosa. Tra la fascia faringea e la tonaca muscolare si trovano lobuli di ghian­dole faringee, tubuloacinose ramificate a secre­zione mista. I dotti escretori delle ghiandole at­traversano la fascia faringea e la tonaca mucosa per versare il loro elaborato nella cavità della faringe.

La tonaca muscolare è formata da una serie di muscoli striati che formano, intorno al con­dotto, un involucro pressoché continuo; essi sono i muscoli della faringe.

La tonaca avventizia, connettivale lassa, av­volge esternamente i muscoli e si dispone inoltre sulle parti della fascia faringea che non sono ri­coperte dallo strato muscolare.

Articolo creato il 22 luglio 2011.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
http://medicinapertutti.altervista.org/argomento/struttura-della-faringe/
Twitter
  • maria

    15 giorni fa o fatto un intervento alle corde vocali x un polipo e me l’anno tolto e poi dietro a questo polipo cera anche un macchia bianca e mi anno detto che e un tumore maligno e poi mi anno detto che avendo una mucosa malata il tumore ritorna la mia paura ce come mi deco comportare avendo solo dei controlli e basta non ce una cura o degli esami più approfonditi x capirci di più grazie vorrei una risposta.

    • Buongiorno,
      come le hanno consigliato, il modo migliore è fare controlli periodici così da individuare, eventualmente, cambiamenti ed agire tempestivamente.
      Non ci sono cure da fare (se non ho capito male, ora non c’è alcun problema, solo un rischio); tutt’al più, ad esempio, bisogna smettere di fumare (se lei fuma), quindi agire sempre a livello preventivo.
      Saluti!

  • Buongiorno,
    come le hanno consigliato, il modo migliore è fare controlli periodici così da individuare, eventualmente, cambiamenti ed agire tempestivamente.
    Non ci sono cure da fare (se non ho capito male, ora non c’è alcun problema, solo un rischio); tutt’al più, ad esempio, bisogna smettere di fumare (se lei fuma), quindi agire sempre a livello di prevenzione.
    Saluti!