Vasi e nervi della faringe

La principale arteria per la faringe è la farin­gea ascendente, ramo della carotide esterna; al­tri rami provengono dalla palatina ascendente e dalla tiroidea superiore (rami della carotide esterna).

Le vene sono organizzate in due plessi intramurali, uno superficiale e uno profondo. Questi plessi sono drenati da numerose vene faringee che, a diversa altezza, sono affluenti della giu­gulare interna.

I linfatici, che formano una rete nella lamina propria della mucosa e un’altra nella tonaca muscolare, si riuniscono poi in diversi collettori che vengono distinti in posteriori, laterali e antero-inferiori. I linfatici posteriori vanno ai lin­fonodi cervicali profondi, satelliti della vena giugulare interna. I linfatici laterali vanno ai linfonodi cervicali profondi che sono in rappor­to con il ventre posteriore del muscolo digastri­co. I linfatici antero-inferiori risalgono in alto e in avanti e, attraversata la membrana tiroioidea, vanno ai linfonodi della catena giugulare.

I nervi per la faringe provengono dal plesso faringeo, alla cui costituzione prendono parte i nervi glossofaringeo, vago e accessorio, oltre a rami provenienti dal ganglio cervicale superiore dell’ortosimpatico. Il plesso faringeo fornisce fibre effettrici per i muscoli striati e inoltre per i vasi e le ghiandole. Le terminazioni sensitive della faringe sono in gran parte di pertinenza del nervo vago e in piccola parte del glossofa­ringeo.

Articolo creato il 15 agosto 2011.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Senza categoria

I commenti sono chiusi.