Neurofibrille

Mediante i metodi di impregnazione con sali d’argento o di oro, il neuroplasma di tutti i neuroni si mostra ripieno di formazioni fibrillari denominate neurofibrille, sulle quali si deposita l’argento o l’oro. Le neurofibrille attraversano il citoplasma del corpo cellulare (o pirenoforo) e si continuano nei dendriti e nell’assone.
Queste neurofibrille derivano dall’aggregazione laterale di sottili neurofilamenti di 10 nm di spessore. Sono inoltre spesso presenti microtubuli (o neurotubuli). Infine, il pirenoforo contiene anche microfilamenti actino-simili associati soprattutto alla superficie interna del plasmalemma.
Microtubuli, neurofilamenti e microfilamenti, oltre che costituire un’impalcatura interna di sostegno, sono implicati nei meccanismi di trasporto di elementi corpuscolati e solubili lungo l’assone.

  • I microtubuli assonici sono tutti uniformemente orientati con l’estremità (+) verso la terminazione nervosa e con quella (-) verso il pirenoforo.
  • I neurofilamenti appartengono alla classe dei filamenti intermedi. Sono strutture filamentose con un diametro di circa 10 nm e sono composti di subunità globulari di 3 nm.
    Presentano spesso piccole sporgenze laterali che li connettono tra loro e con i microtubuli.
  • I microfilamenti sono presenti in numero elevato soprattutto nell’assone e sono più concentrati lungo la superficie interna della membrana plasmatica (o assolemma).

Infine, nei neuroni sono state isolate anche le proteine contrattili actina e miosina, le proteine regolative tropomiosina e alfa-actinina, nonché la filamina che lega l’actina.

Articolo creato il 7 marzo 2010.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
https://medicinapertutti.altervista.org/argomento/neurofibrille/
Twitter
Precedente Reti venose palmare e dorsale della mano Successivo Recettori-canale di classe I