Placche di Peyer

Le placche di Peyer fanno parte del tessuto linfoide associato alle mucose (MALT), presentandosi come oltre 200 noduli linfoidi aggregati che occupano la lamina propria e la tonaca sottomucosa dell’ileo; raggiungono il loro massimo sviluppo alla pubertà.
Le placche di Peyer appaiono come rilievi cupoliformi, macroscopicamente apprezzabili sulla superficie interna dell’intestino tenue, in zone dove non si trovano villi intestinali. L’epitelio intestinale si dispone a rivestire questi rilievi che risultano formati da aggregati di follicoli linfoidi tra i quali si dispone un tessuto interfollicolare, con un’organizzazione simile a quella della zona corticale dei linfonodi e della polpa bianca della milza; vi si possono distinguere, infatti, zone B-dipendenti (i follicoli linfoidi secondari) e T-dipendenti (i territori linfoidi interfollicolari).
L’epitelio che riveste le placche di Peyer è diverso da quello che si dispone sui villi intestinali. Si presenta infiltrato di numerosi linfociti intraepiteliali (IEL), per lo più linfociti T. L’epitelio delle placche di Peyer è denominato epitelio follicoli-associato (FAE) e accoglie le cellule M.
Le cellule M sono un tipo di cellule assorbenti che presentano una superficie luminale sollevata in corti microvilli o micropliche, del tutto diversa da quella degli enterociti. Queste cellule hanno la capacità di internalizzare antigeni presenti nel lume intestinale, trasferendoli ai linfociti accumulati nella lamina propria. Esse, quindi, assicurano l’assunzione di antigeni a livello delle placche di Peyer e degli altri territori in cui sono state ritrovate (appendice, tonsille, tessuto linfoide associato alle mucose respiratorie -BALT-).

Placca di Peyer

Placche di Peyer nell’ileo

Sezione trasversale di ileo di coniglio. Organizzazione generale della parete.
I villi intestinali si presentano come estroflessioni coniche e vanno man mano riducendosi di grandezza e di numero.

La tonaca mucosa risulta sollevata per la presenza di aggregati di tessuto linfoide, le placche di Peyer (PP), che occupano tutto lo spessore della lamina propria estendendosi anche alla tonaca sottomucosa e differenziando questo tratto di intestino tenue dai precedenti.

Struttura della placca di Peyer

Ingrandimento dell’immagine precedente.
Le placche di Peyer (PP) sono grandi aggregati linfoidi sparsi nella tonaca mucosa.

In questa immagine è ben visibile la tonaca sierosa (S) che avvolge il viscere.

Fonte: Istituto di anatomia umana normale università degli studi di Bologna

Articolo creato il 23 marzo 2012.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
https://medicinapertutti.altervista.org/argomento/placche-di-peyer/
Twitter
Precedente Vascolarizzazione della regione dorsale del piede Successivo Articolazioni tra i processi articolari