Tessuto adiposo

Le cellule adipose o adipociti sono presenti in numero limitato nel tessuto connettivo lasso. Quando si accumulano in grande numero, divenendo il tipo cellulare preponderante, costituiscono una varietà speciale di tessuto connettivo lasso denominata tessuto adiposo.
Le cellule adipose (o adipociti) non hanno attività ameboide e fagocitaria e sono incapaci di divisione.
Secondo la versione più accreditata, le cellule adipose non si formano per deposizione di grasso nei fibroblasti, ma derivano per differenziazione diretta di cellule mesenchimali primitive che persistono nel tessuto connettivo adulto. Nel corso della formazione delle cellule adipose, gli elementi mesenchimali accumulano progressivamente piccole gocciole lipidiche che successivamente confluiscono in un’unica goccia.
Lo stadio iniziale di tale processo differenziativo corrisponde al cosiddetto lipoblasto o preadipocito che rappresenta l’elemento precursore specifico delle cellule adipose e che ha una distribuzione definita nell’organismo; questa cellula ha una morfologia simile al fibroblasto.
Gli adipociti hanno forma sferica; il nucleo è appiattito e spinto alla periferia mentre il citoplasma è ridotto ad un anello sottilissimo che avvolge un unico grande vacuolo privo di membrana e contenente lipidi. La morfologia delle cellule può variare a seconda del tipo di tessuto adiposo che si considera.
Il grasso è di solito disciolto dai solventi impiegati nei comuni preparati istologici ed allora la parte centrale della cellula contenente grasso appare vuota. I lipidi possono essere preservati impiegando il microtomo congelatore o il metodo congelamento-essiccamento ed essere colorati con coloranti solubili nei grassi quali il Sudan nero o il Sudan B, il Sudan III o il Blu Nilo.
Il tessuto adiposo è un tessuto attivo in quanto le sue cellule intervengono direttamente nella sintesi dei grassi e nella loro liberazione in risposta a specifici stimoli ormonali e nervosi. Esso, quindi, svolge un ruolo fondamentale nell’assicurare un apporto costante di materiale energetico all’organismo. Il grasso accumulato da tali cellule deriva anche dal sangue. Oltre a ciò, è deputato anche al deposito di grasso e in talune sedi ha funzione meccanica di sostegno.
Esistono due tipi di tessuto adiposo che differiscono per colore e caratteri citologici, distribuzione, vascolarizzazione ed attività funzionale: il tessuto adiposo bianco (o giallo o uniloculare o ordinario o comune) e il tessuto adiposo bruno (o multiloculare).

Articolo creato il 02 marzo 2010.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
https://medicinapertutti.altervista.org/argomento/tessuto-adiposo/
Twitter
Precedente Ghiandola sottolinguale Successivo Muscolo elevatore del palato (o peristafilino interno)