Vene lombari

Le vene lombari sono 4-5 per lato, disposte metamericamente e omologhe delle vene intercostali. Si formano in corrispondenza dei forami intervertebrali del­la colonna lombare, dall’unione di un ramo ventrale, che raccoglie il sangue dai muscoli lar­ghi dell’addome, con un ramo dorsale che pro­viene dai muscoli delle docce vertebrali, dalle vertebre, dal midollo spinale e dai plessi venosi vertebrali interni. Decorrono tra­sversalmente per portarsi alla vena cava inferio­re dove sboccano, nella parete posteriore. Pos­seggono valvole insufficienti. Le vene lombari di ciascun lato sono unite da tratti anastomotici longitudinali i quali formano, nell’insieme, un piccolo tronco verticale denominato vena lom­bare ascendente: questa comunica, in basso, con la vena ileolombare e talora con la vena iliaca comune; in alto, dà origine alla vena azigos a destra e alla vena emiazigos a sini­stra costituendo così un’importante via anastomotica fra il sistema della vena cava inferiore e il sistema della vena cava superiore.

Vene lombari

Articolo creato il 5 settembre 2011.
Ultimo aggiornamento: vedi sotto il titolo.

Articolo utile? Condividilo!
RSS
Seguimi con e-mail
Facebook
Google+
https://medicinapertutti.altervista.org/argomento/vene-lombari/
Twitter
Precedente Collettori linfatici dei muscoli intercostali Successivo Recettori AMPA